lunedì 18 agosto 2014

Un pensiero per Francesco Meloni


Il suo nome non è contemplato nella rosa dei critici e degli storici dell'arte più popolari del nostro paese. Ma sappiamo che la popolarità, da noi, non va (quasi mai) di pari passo con la qualità del lavoro. E, infatti, il lavoro di Francesco Meloni, grande e appassionato studioso della grafica italiana del Novecento, si è sempre svolto dietro le quinte, in silenzioso riserbo ma con straordinaria professionalità. Che lo ha portato, non a caso, a compilare negli anni alcuni dei migliori cataloghi ragionati dei nostri incisori. Basti pensare alla catalogazione dell'opera grafica di Gino Severini o di Alberto Martini, al catalogo ragionato delle incisioni di Mino Maccari, oltre a una serie di pubblicazioni preziose dedicate ai disegni di Mario Sironi, o ancora, al catalogo ragionato dell'opera grafica di Massimo Campigli, firmato insieme all'amico studioso Luigi Tavola. Un impegno riservato e lontano dai clamori del sistema dell'arte, ma condotto con una conoscenza della materia tale da fare invidia ai critici più celebrati. Grazie ai libri di Meloni, i conoscitori di stampe, gli studenti, i collezionisti, gli intenditori, i neofiti avranno sempre uno strumento utile per misurarsi con l'opera incisa di alcuni maestri; consultando le sue pagine, scritte con garbo ed esattezza, si può avere la certezza di trovarvi le risposte a ogni domanda, come nel migliore dei regesti. Per non dimenticare. I funerali, domani a Legnano alle 10e30.

Nessun commento:

Posta un commento